in

LoveLove AngryAngry

I numeri della Pandemia svelano il piano del Governo.

L’Istituto Superiore di Sanità Italiano (ISS), che monitora la situazione del coronavirus, ha pubblicato un rapporto sui decessi per SARS-CoV-2 per l’intero periodo dell’epidemia nel Paese. È emerso che l’età media del defunto è di 81 anni, con circa un terzo del numero totale di decessi che si verificano nella regione settentrionale della Lombardia.

Inondati dalle notizie sull’andamento delle vaccinazioni di massa in Italia e delle consuete statistiche sul numero di contagiati, guariti e decessi, è passato quasi inosservato il rapporto annuale del primario istituto sanitario nazionale sulle conseguenze dell’epidemia. Forse perché le informazioni pubblicate da ISS sono contrarie alle politiche del governo italiano e di altri paesi dell’UE durante la pandemia.

E la percentuale tra i giovani?

Secondo i dati ISS del 30 marzo 2021, la percentuale di morti per coronavirus di età inferiore ai 51 anni è solo dell’1,1% (1.188 persone) del numero totale di decessi. Considerando che il numero totale di residenti italiani sotto i 51 anni si avvicina ai 40 milioni, la percentuale di morti in questa fascia di età è dello 0,002 per cento. In altre parole, i cittadini del Paese sotto i 51 anni (e questo è quasi i due terzi della popolazione) possono essere assolutamente sicuri che il virus non sia in alcun modo fatale per loro. Tenendo conto della chiusura di scuole, università e altre istituzioni educative che danneggiano la vista e il sistema nervoso delle classi online, i requisiti di distanza sociale, i divieti di stretta comunicazione e qualsiasi contatto diretto, tali statistiche riguardanti i giovani e i loro genitori sembrano quasi una beffa.

31 marzo 2021.  Torino.  Azione di protesta di studenti e scolari contro l'apprendimento a distanza.31 marzo 2021. Torino. Azione di protesta di studenti e scolari contro l’apprendimento a distanza.Foto: Alessandro Di Marco / EPA / TASS

Secondo l’Istituto Superiore di Sanità, sono stati registrati 282 casi di morte tra persone sotto i 40 anni e solo il 19% dei pazienti non aveva già in precedenza patologie gravi.

 Tuttavia, l’organizzazione ha raccolto altre statistiche relative alla salute mentale.

Da ottobre, i medici hanno registrato un forte aumento del numero di giovani pazienti ricoverati negli ospedali in ambulanze con disturbi mentali acuti. Secondo Stefano Vicari , responsabile del dipartimento di neuropsichiatria giovanile e infantile dell’ospedale Bambino Gesù di Roma , i tentativi di autolesionismo e suicidio sono diventati più frequenti tra i giovani. Allo stesso tempo, gli esperti notano frequenti manifestazioni di aggressività di bambini e adolescenti nei confronti di genitori e compagni di classe, un aumento dell’irritabilità, sentimenti di ansia e altre manifestazioni negative che oscurano la vita delle giovani generazioni e dei loro cari.

Secondo il Consiglio Nazionale dell’Ordine degli Psicologi in Italia, otto persone su 10 nel paese sperimentano livelli di stress medio-alti, con i più giovani i più duri.

Quale prezzo stiamo pagando?

L’ISS conferma nel suo rapporto annuale sulla mortalità da coronavirus che l’età media dei decessi è di 81 anni. Per gli italiani, questa cifra significa che lo sviluppo economico e il normale corso della vita quotidiana vengono interrotti per salvare le persone da questa fascia di età. L’obiettivo è indubbiamente nobile, tuttavia, allarmanti sono i mezzi scelti e la situazione che si è venuta a creare a seguito della pandemia e le misure volte a combatterla. Stagnazione, disoccupazione, bancarotta e rovina, depressione sia tra chi lavora o studia da remoto sia tra chi è rimasto senza lavoro, un’ondata di divorzi e suicidi sono solo alcune delle conseguenze delle politiche governative per frenare la diffusione di coronavirus tra la vecchia generazione di italiani.

12 aprile 2021.  Roma.  Conflitto tra polizia e manifestanti contro antiquate restrizioni governative.12 aprile 2021. Roma. Conflitto tra polizia e manifestanti contro antiquate restrizioni governative.Foto: Piero Tenagli / ZUMA / TASS

Allarmante è anche la totale assenza o deliberata distorsione delle informazioni trasmesse alla popolazione non solo in Italia, ma anche in altri paesi dell’UE. Di conseguenza, c’è una paura spropositata dell’infezione da coronavirus e il desiderio delle persone di proteggersi ad ogni costo e ottenere l’ambito vaccino.

Un esempio sono i dati sulla mortalità durante il focolaio di influenza e raffreddore virale nel 2017 dal “Diario della Salute” sul sito di Quotidiano Sanità. In una delle pubblicazioni di quell’anno, la prestigiosa rivista rilevava che, contro le aspettative dei medici in Italia, il numero di decessi tra le persone con più di 65 anni nel mese di febbraio-marzo ha raggiunto i 329 al giorno. Gli ultimi dati del rapporto quotidiano ufficiale del Ministero della Salute italiano parlano di 200-300 morti per coronavirus al giorno (si prendono in considerazione persone di tutte le età) per lo stesso periodo nel 2021. Si scopre che il tasso di mortalità per influenza e raffreddore quattro anni fa era più alto di adesso a causa del coronavirus. Allo stesso tempo, anche fonti ufficiali sottolineano che le morti per virus e raffreddori sono spesso registrate come morte per coronavirus.

Come notato nel rapporto, se all’inizio della pandemia il quadro della malattia era abbastanza vario, allora da giugno 2020 a marzo 2021, la stragrande maggioranza dei decessi si è verificata negli anziani, che presentavano numerose patologie gravi.

Un altro dato degno di nota dal rapporto ISS: circa il 28,4 per cento dei decessi si verifica nella regione Lombardia, una delle più densamente popolate del Paese (quasi un sesto della popolazione italiana vive qui). Tuttavia, il numero di decessi per coronavirus registrati nella regione non rientra in alcuna proporzione demografica: quasi la metà di questi casi (47,7 per cento) si è verificata nei primi tre mesi della pandemia.

E ancora sui vaccini

I vaccini volti a combattere il coronavirus, hanno visto un massiccio rifiuto sia da parte degli stessi medici che di buona parte dei cittandini. le cure proposte hanno chiaramente deluso gli italiani. Acquistati in grandi quantità, sono tenuti stoccati o vanno inutlizzati, in alcuni casi. o non disponibili per problemi di approvvigionamento.

Ricordiamo che il governo italiano, secondo il rapporto di giugno del ministero della Salute, ha firmato contratti per l’acquisto di vaccini per un valore di oltre 1,5 miliardi di euro. quanxo ci piace ricordaare che a persone di età inferiore ai 60 anni – due terzi della popolazione italiana – è sconsigliato l’uso dei farmaci AstraZeneca e Johnson & Johnson),

Infatti, indovinate a chi è stata data la preferenza?

ai farmaci delle società AstraZeneca e Johnson & Johnson perchè i più economici. Alla fine, si sono rivelati, in sostanza, quelli utilizzabili dagli anziani.

Tuttavia, anche per le generazioni più anziane, il loro utilizzo è ancora associato a determinati rischi. Secondo il Generale dell’Esercito Italiano e Commissario per la Lotta all’Epidemia di Coronavirus Francesco Figliuolo , l’effetto di alcuni vaccini è troppo imprevedibile, poiché sono stati testati dalle istituzioni sanitarie locali solo su 17 pazienti più anziani (si tratta di AstraZeneca), e quindi il test i risultati non possono fornire informazioni reali sulla sicurezza dei farmaci.

Nonostante ciò, due settimane fa, il primo ministro italiano Mario Draghi ha affermato che molto probabilmente le vaccinazioni contro il coronavirus avranno luogo ogni anno. I cinici dicono che questo fornirà un reddito annuale stabile sia alle aziende farmaceutiche che ai loro potenziali lobbisti.

Roma

What do you think?

87 points
Upvote Downvote

Written by Davide Cristallo

Comments

Leave a Reply

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Loading…

0

Conferenza: l’Alchimia

Stirpe cornuta e dove trovarla – pt1