in , , ,

La regalità dal cielo discese

Sumerian King List Anunnaki

Nam-lugal an-ta ed-de-a-ba: tradotto: “(Quando) la regalità dal cielo discese”. Queste sono le prime parole che il redattore della Lista Reale Sumera scelse e che riportò nella prima sezione del documento noto come Lista Reale Sumera che elenca i nomi e gli anni di regno dei sovrani sumeri ed accadici che governarono nei giorni prima e dopo il diluvio.

Il Documento: Lista reale sumera WB 1923.444 o per semplicità WB-444 è un prisma di argilla, rinvenuto nel corso della spedizione condotta dal viaggiatore inglese Herbert Joseph Weld Blundell nel 1922, presso l’antica città di Larsa. Il documento, datato intorno al 1800 a.C., venne redatto da uno scriba di nome Nur-Ninsubur (traslitterato: nu-ùr-dninšubur, tradotto come. signore servo di Ninšubur), che visse alla fine della dinastia di Isin, l’ultima dinastia citata nella medesima Lista.
Questo reperto, come premesso, fornisce un elenco completo dei re sumeri, dai giorni prima del Diluvio sino ai giorni del regno dell’amorreo Suen-magir (letteralmente: Colui che è sostenuto da Suen), ultimo (o penultimo) sovrano della città di Isin, che regnò intorno all’anno 1827 a.C. – 1817 a.C. per 11 anni (dato confermato anche da un altro documento, la “lista reale Ur-Isin” – Collezione Schøyen, reperto MS 1686, di cui per ora non tratteremo).

Sovrani mitici prima del diluvio: Perché il redattore di questo antico documento avvertì la necessità di annotare i nomi di sovrani che non erano in teoria mai realmente esistiti e nel farlo quali strumenti utilizzò per i possibili anni di regno dei sovrani?
Nelle sue riflessioni condotte sulla Lista sumera Thorkild Jacobsen specifica che la sezione antidiluviana in origine non era stata prevista dal redattore ma venne aggiunta solo successivamente. È ipotizzabile quindi che il redattore abbia fatto affidamento ad una già consolidata tradizione antidiluviana parte delle nozioni alla base degli insegnamenti impartiti agli scribi ed ai sapienti presso la città di Eridu. Questa tradizione potrebbe rappresentare la cornice originaria della descrizione antidiluviana riportata sulla Lista WB-444. Sempre Jacobsen ritiene, quindi, che il redattore completato il suo lavoro possa aver nutrito un interesse eccezionale relativo alla descrizione di fatti antidiluviani questione che avrebbe favorito fortemente il loro inserimento al termine della redazione del documento.
In forza di una tradizione esistente Nur-Ninsubur deve aver quindi attinto a documentazione completa o parziale disponibile presso la città di Larsa. Oggi è appurata l’esistenza di elenchi precedenti al documento WB-444 recanti i nomi e gli anni di regno dei sovrani antidiluviani. Tra le fonti che è possibile citare vi sono ad esempio: la Lista WB-62 ed i frammenti del poema classificato come “La genesi di Eridu”.

Anni di regno e Sovrani antidiluviani: L’unità di misura utilizzata per indicare gli anni di regno dei sovrani che regnarono in epoca antidiluviana è lo šar, che corrisponde a circa 3600 anni della Terra. Al contrario, nel periodo postdiluviano l’unità di misura utilizzata è l’anno della Terra come è oggi comunemente noto, pari a 365 giorni e 1/4 di giorno.
Sembra quindi che il redattore della Lista Reale avesse precisa nozione circa il fatto che v’era stato un tempo, prima del Diluvio, nel quale: “quando la regalità discese dal cielo” e sino al momento in cui “il diluvio trascinò (ogni cosa)” (traslitterato sumero: a-ma-ru ba-ur3-ra-ta) gli anni di regno dei primi sovrani, mitici o divini, erano stati contati secondo gli šar e che per questo erano da annotarsi in tal modo.
Nello specifico la Lista Reale WB-444 annota il nome di 8 sovrani e 5 città antidiluviane presso le quali venne esercitata la regalità.
È bene ripetere che la Lista WB-444, benché sia il più famoso, non è l’unico documento che elenca sovrani che governarono prima del diluvio e con ogni probabilità, anche a fronte di quanto si qui affermato, non è il più completo. Occorre quindi una attenta analisi ed un confronto con altri elenchi che saranno oggetto di prossima indagine.

nam-lugal an-ta ed-de-a-ba: Ma tornando all’incipit scelto da Nur-Ninsubur, quale messaggio reca con se?
Queste poche parole trasmettono un concetto cardine che costituisce (e costituiva già allora) la base di tutta la tradizione mitica che ha la sua origine nel Vicino Oriente Antico. La “regalità” il concetto di “regalità”, dapprima insistente, in tempi ancestrali venne condotto dal cielo.
Ad opera di chi venne condotto dal cielo (sulla terra) tale concetto?
La tradizione mitica del passato può esserci d’aiuto nella ipotetica definizione del QUANDO questo primo evento accorse?
Interrogativi che richiedono approfondimenti, approfondimenti che non mancheremo di proporre.

Prisma Weld-Blundell, Sumerian King List, W.B. 444, AN 1923.444, Ashmolean Museum, Università di Oxford

What do you think?

86 points
Upvote Downvote

Written by Victor Nunzi

Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Loading…

0

SOBEK, IL LABIRINTO, LA PIRAMIDE

Le mie opinioni stravaganti su UFO, “alieni” ed altri fenomeni anomali.