in ,

Le mie opinioni stravaganti su UFO, “alieni” ed altri fenomeni anomali.

di Norio Hayakawa

“Gli esseri umani sono sotto il controllo di una strana forza che li piega in modi assurdi, costringendoli a svolgere un ruolo in un bizzarro gioco di inganni”  (Jacques Vallee)

 

Il fenomeno UFO mi appare come un’intrusione parafisica nella nostra dimensione fisica, da parte di un’intelligenza sconosciuta o di entità senzienti sconosciute, che si materializzano parafisicamente a un osservatore “preselezionato” (o un gruppo di osservatori, piccoli o grandi) e che si presentano come fenomeno fisico extraterrestre, di visita o contatto, per ragioni ancora sconosciute. 

La “preselezione” sembra includere anche un luogo particolare, oltre a un momento particolare. 

Il fenomeno sembra riuscire a materializzarsi e smaterializzarsi a piacimento e sembra addirittura in grado di “transmogrificarsi” in qualsiasi sembianza e forma (come dice di John A. Keel)

Tuttavia il fenomeno non sembra poter sopravvivere nella nostra dimensione fisica se non per pochi secondi o pochi minuti alla volta.

Alcuni ricercatori affermano che il fenomeno sembra essere in grado di influenzare temporaneamente i nostri parametri fisici (come radar, ecc.). 

Eppure sembra che il fenomeno non sia possibile fotografarlo con chiarezza, o non del tutto. Questo sembra essere il caso anche di altri fenomeni “anomali”. 

E in molte occasioni, mi sembra che questi “UFO” sembrano solo utilizzare ingannevolmente (all’osservatore) un qualche tipo di sistema di propulsione, mentre decollano nel cielo a una velocità inimmaginabile. 

In altri casi, gli “UFO” sembrano semplicemente librarsi o “galleggiare” (di nuovo, come se stessero utilizzando una qualche forma di un sistema di propulsione in grado di “fluttuare”) prima di decollare, o addirittura, smaterializzarsi.

Potrebbe essere un inganno?

Infine, per “fenomeno” qui, vorrei includere sia il “mestiere” che le “entità” e le loro capacità apparentemente parafisiche. Ancora una volta, questo sembra essere il caso anche di altri fenomeni “anomali”. 

A proposito, ecco un’altra delle mie citazioni preferite del dottor Jacques Vallee, secondo me la massima autorità al mondo sul fenomeno UFO: 

Il contatto tra i percipienti umani e il fenomeno UFO avviene sempre in condizioni controllate da quest’ultimo. Il suo tratto caratteristico è un fattore di assurdità che porta ad un rifiuto della storia da parte degli strati superiori della società target e ad un assorbimento a livello profondo inconscio dei simboli veicolati dall’incontro ”. 

Sono il primo ad ammettere che tutto quanto sopra è puramente una mia speculazione personale, ma è il meglio che potessi fare, considerando questo fatto che fa riflettere:

Anche se il fenomeno UFO sembra esistere, non ha dimostrato di essere una prova tangibile e assoluta, come non è dimostrato che siamo stati visitati da entità biologiche extraterrestri fisiche, reali, in un veicolo spaziale fisico di qualsiasi tipo.  Il termine “UFO” è fuorviante poiché non sappiamo ancora se siano davvero oggetti o se stiano effettivamente volando come intendiamo noi il  volo (come attraverso l’uso di un sistema di propulsione), come spesso è affermato  dal Dr. Jacques Vallee.

È un fatto ben noto che John A. Keel e Jacques Vallee furono due dei primi grandi ricercatori di nome che si erano allontanati dall’ipotesi fisica extraterrestre (ETH) delle origini degli UFO e del fenomeno UFO. Sebbene sia ancora considerata una visione minoritaria nel campo dell’ufologia, un certo numero di ricercatori ha seguito l’esempio, tra cui J. Allen Hynek, Arthur C.Clarke, Whitley Strieber, John Mack, Karla Turner, Guy Malone, Joseph G. Jordan, LA Marzulli e Nick Redfern. 

Molti di loro sembrano essere passati dall’ ETH agli  (Angeli) “Caduti” e “Malevoli” e “” Sembra che abbiano concluso che gli UFO sono extra-dimensionali e non provengono dallo spazio

Sono totalmente d’accordo con loro.

Dalla fine degli anni ’70, anch’io ho mantenuto (e continuerò a sostenere) la mia opinione che non siamo mai stati visitati da ET fisici nelle loro astronavi

In effetti, la scienza deve ancora dimostrare che gli UFO rappresentano una prova definitiva di qualsiasi contatto extraterreste. 

La realtà, secondo me, è che “loro” sono entità ingannevoli, manipolatrici e malevole di un’altra dimensione, che ci ingannano materializzandosi e “fingendosi” parafisicamente come “ET” di civiltà altamente avanzate dello spazio. 

Questo non significa che non esistano quelli “benevoli”. 

Infatti, è mia convinzione che i “benevoli” non solo esistono, ma sono in maggioranza, cioè con il rapporto di 2 a 1 contro quelli “malevoli”( cioè, per ogni “malevolo”, ci sono due “benevoli”).

Eoni fa, un terzo di tutte le entità angeliche cosmiche, senzienti e parafisiche furono espulse dal loro dominio speciale dal Creatore per aver partecipato a una rivolta cosmica guidata da Lucifero che divenne Satana, e dai suoi seguaci “angeli caduti” – – come suggerito in Apocalisse 12: 4 – – molti studiosi biblici sembrano sostenere questa interpretazione. 

Forse i “benevoli” stanno facendo buone opere senza essere visti dalla maggior parte di noi. Forse sono quelli che si crede siano “angeli custodi”. Ma quelli che ingannano le persone e provocano “confusione” non sono certamente quelli “benevoli”. 

Tom Farmer, un ricercatore, ha dichiarato:

 “John A. Keel ha sottolineato più di 50 anni fa che gli UFO sono disponibili in troppi fattori di forma,” si schiantano “troppo spesso e lasciano troppe sciocchezze ai contattati, per essere semplici astronauti venuti dallo spazio lontano. Sono un quadro di riferimento attuale delle manifestazioni di un’intelligenza imbrogliona che è sempre stata con noi “.

______________

di Norio Hayakawa, 7 dicembre 2020

 

What do you think?

89 points
Upvote Downvote

Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Loading…

0

I Pianeti Parte 1

DULCE BASE, l’ “allucinazione” di Phil Schneider